Nel corso dell’ultimo week end, i Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello hanno intensificato i controlli lungo la fascia costiera di competenza, con particolare interesse al territorio di Capo d’Orlando, tornato ad essere il maggior centro della c.d. movida estiva

I SERVIZI SONO STATI TESI ALLA REPRESSIONE DELLO SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI, NONCHE' ALLLA VERIFICA DEL RISPETTO RIGUARDANTE LE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA

0
259

Nel corso dell’ultimo week end, i Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello hanno intensificato i controlli lungo la fascia costiera di competenza, con particolare interesse al territorio di Capo d’Orlando, tornato ad essere il maggior centro della c.d. movida estiva. I servizi volti alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, nonché alla verifica del rispetto delle norme del codice della strada si sono concentrati lungo le aree adiacenti alcuni noti locali notturni del centro orlandino, con l’attuazione di posti di controllo lungo le principali arterie stradali, con l’utilizzo dell’etilometro. I controlli hanno riguardato 90 persone di cui 40 sottoposte a perquisizioni personali, mentre 52 sono state le ispezioni ai veicoli.

I militari dell’Arma hanno deferito, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Patti (ME): – un 18enne ritenuto responsabili del reato di guida sotto l’influenza dell’alcool. Poiché, nel corso di un controllo alla circolazione stradale, il giovane, fermato mentre era alla guida della sua autovettura, veniva sottoposto ad accertamento alcoltest che rilevava un tasso alcolemico di 1,05 g/l. Nella circostanza si procedeva anche al ritiro della patente di guida. – 4 persone di età compresa tra i 20 ed i 45 anni, sono state segnalate alla Prefettura di Messina quali assuntori di stupefacente, poiché trovate in possesso di modiche quantità di marijuana, e cocaina, detenute per uso personale, che hanno determinato un sequestro complessivo di circa 7 grammi di sostanza stupefacente.

Inoltre, sono state riscontrate diverse violazioni per mancata revisione periodica dei veicoli e per mancanza di copertura assicurativa. La sostanza stupefacente sequestrata nel corso del servizio è stata inviata al Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Messina per le analisi di laboratorio.