Nel cuore del rione Giostra a Messina, precisamente in via Monti Iblei, si è verificata un’operazione di grande portata da parte delle forze dell’ordine: la Polizia ha effettuato un sequestro di armi e droga che ha destato notevole attenzione nell’area

LA SCOPERTA È AVVENUTA SABATO SCORSO QUANDO, A MEZZOGIORNO IN PUNTO, UN INDIVIDUO NON SI ASPETTAVA L’ARRIVO IMPROVVISO DELLA POLIZIA

269

Nel cuore del rione Giostra a Messina, precisamente in via Monti Iblei, si è verificata un’operazione di grande portata da parte delle forze dell’ordine: la Polizia ha effettuato un sequestro di armi e droga che ha destato notevole attenzione nell’area.

La scoperta è avvenuta sabato scorso quando, a mezzogiorno in punto, un individuo non si aspettava l’arrivo improvviso della Polizia. La reazione dell’uomo è stata fugace, tanto da gettare persino le ciabatte per aumentare la sua velocità nella fuga. Durante la sua disperata fuga attraverso le intricate stradine tra via Pasubio e via Monti Iblei, i poliziotti hanno notato che l’uomo gettava un mazzo di chiavi nel cortile della scuola Vann’Anto. Queste chiavi si sarebbero rivelate fondamentali per l’indagine in seguito. In meno di un quarto d’ora, l’uomo è stato catturato e le chiavi recuperate, rivelando l’accesso a un appartamento in via Monti Iblei che nascondeva una sorprendente quantità di armi e droga.

All’interno dell’appartamento, gli investigatori hanno fatto una scoperta sconcertante: cinque pistole di diversi tipi, un fucile a canne mozzate, tre chili di cocaina pura e addirittura 16 chili di marijuana. Il sospettato, un uomo di 29 anni di nome Giuseppe Spadaro, è stato immediatamente arrestato e ora attende la convalida dell’arresto. È assistito dagli avvocati Alessandro Trovato e Salvatore Silvestro. L’entità di questa operazione emerge dalla qualità delle armi sequestrate e dalla quantità di droga scoperta. Tra le armi confiscate vi sono una Colt con matricola punzonata, una Smith&Wesson 357 Magnum, un’altra Smith&Wesson con cartucce calibro 38 special, una semiautomatica con matricola abrasa, caricatore monofilare e silenziatore, e un’altra semiautomatica Tanfoglio calibro 9 con matricola abrasa e caricatore bifilare.

Nel reperto c’era anche un fucile sovrapposto calibro 12 con le canne mozzate e il calcio modificato. Ma la sorpresa maggiore è stata la droga trovata nell’appartamento. Tre chili di cocaina pura e 16 chili di marijuana, insieme a una vasta gamma di strumenti tra cui bilancini, guanti in lattice, taglierini, sacchetti di plastica e dispositivi per il confezionamento sottovuoto, suddivisione e distribuzione della droga. Ora, le autorità dovranno indagare sul contesto in cui questa operazione è avvenuta. Come sottolineato da magistrati e investigatori, la droga sembra essere sempre più diffusa, e l’età dei consumatori sta diminuendo.

Un altro interrogativo riguarda il motivo per cui Spadaro deteneva, custodiva e sorvegliava un arsenale e un centro di confezionamento della droga di tale portata. Questo caso solleva importanti domande sulla sicurezza pubblica e sulla lotta al traffico di droga nella città di Messina.