Nel rione Giostra importanti implementazioni delle Foto-trappole in quei punti strategici ove ciclicamente si verificano accatastamenti e abbandono di suppellettili e spazzatura”

E' SODDISFATTO PER QUESTO..., IL CONSIGLIERE DELLA QUINTA CIRCOSCRIZIONE DI MESSINA, FRANCO LAIMO

185

“Nel rione Giostra importanti implementazioni delle Foto-trappole in quei punti strategici ove ciclicamente si verificano accatastamenti e abbandono di suppellettili e spazzatura”. Soddisfazione del consigliere della V Municipalità Franco Laimo, il quale svariate volte ha trattato la problematica, assieme ai colleghi consiglieri, nei lavori della 2a Commissione “Igiene e Sanità” dallo stesso Laimo presieduta.

“Settimanalmente ci troviamo a combattere questo fenomeno soprattutto in determinate zone del nostro quartiere, da Giostra all’Annunziata o perfino a Paradiso nello storico rione dei pescatori di Case Basse Paradiso, segnalando senza sosta alla Messinaservizi, cumuli e cumuli di spazzatura riversate sui marciapiedi, con le relative conseguenze igienico sanitarie”, spiega il consigliere Laimo.

“Finalmente tanti malfattori non avranno vita facile nel depositare i loro rifiuti in quegli angoli del nostro quartiere, ove adesso sono state installate le Foto-trappole, tanto richieste dalla nostra Municipalità – continua Laimo – Svariati problemi e fenomeni di inciviltà bisogna ancora debellarli, come ad esempio l’abbandono di ogni genere e specie di immondizia nelle baracche ormai disabitate e da demolire, presenti sul nostro territorio e le cataste di tal quale settimanalmente che si vengono a creare nella zona dell’isolato 13 rione Giostra, ove ancora per colpa di chi non riesce ad abituarsi alla nuova tipologia di conferimento, si creano montagne di spazzatura attorno i carrellati presenti su strada: e qui nasce parte del problema, poiché questi carrellati dovrebbero stare dinanzi l’ingresso di ogni abitazione e non su strada pubblica, finendo poi alla mercé di chiunque passi e possa lanciare il proprio sacchetto direttamente dalla propria auto o scooter”.

Qualcuno, prosegue Laimo, ha persino proposto di ritornare al vecchio sistema di raccolta indifferenziata, con i cassoni RSU su strada, ma secondo il rappresentante del civico consesso, tale proposta sarebbe un vero ritorno alla preistoria e rappresenterebbe il “non volersi elevare” anche civilmente, restando ancorati ad un sistema arcaico ed arretrato.

“Ognuno di noi deve dare il proprio contributo ricordando che la città è casa nostra, migliorando ed aumentando il rispetto per la cosa pubblica” – prosegue Laimo.

Per quanto riguarda poi i cumuli di spazzatura presenti nelle baracche sia dell’Annunziata che di Giostra, (oltre i limiti delle normali condizioni igienico sanitarie), fra poche ore nella Via 150/A SS Annunziata si procederà finalmente all’abbattimento delle baracche (tranne quella storica) con relativa pulizia del tal quale; mentre per la situazione inerente la zona di Giostra, in occasione poi di un incontro ufficiale fra i presidenti delle sei circoscrizioni ed i vertici di Messinaservizi e gli assessori Musolino e Minutoli, avvenuto lo scorso 21 settembre, (ove lo stesso Laimo era in rappresentanza della V circoscrizione), è stato comunicato dai vertici di Messinaservizi, un prossimo intervento di bonifica nelle baracche del rione Giostra, anche e soprattutto al fine di evitare il protrarsi di situazioni di pericolo per la pubblica e privata incolumità, viste le precarie condizioni igienico sanitarie dell’area, ove pochi giorni fa è stata incendiata una baracca, sprigionando nell’aria, fumi nocivi e tossici.

“In qualità di presidente della Commissione “Igiene e Sanità” – conclude – ritengo doveroso prendere le distanze da certi atteggiamenti ostativi e poco civili che si verificano sul nostro territorio circoscrizionale”.