Nella serata di ieri, grazie alla strategia messa in atto dalla Polizia di Stato che prevede un potenziamento dell’attività di controllo del territorio finalizzata al contrasto della microcriminalità realizzata dalle Volanti di Reggio Calabria, è stato arrestato un soggetto di 42 anni, con vari pregiudizi penali e di Polizia, ritenuto responsabile dei reati di rapina aggravata e violazione degli obblighi imposti dalla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza

IN PARTICOLARE, IERI SERA È ARRIVATA UNA SEGNALAZIONE AL NUMERO DI EMERGENZA 112 NUE DI UNA RAPINA ALL’INTERNO DI UNA RIVENDITA DI TABACCHI NELLA ZONA SUD DELLA CITTÀ, DOVE IL RAPINATORE SERVENDOSI DI UN TAGLIERINO PER MINACCIARE IL TITOLARE SI ERA FATTO CONSEGNARE L’INCASSO

232

Nella serata di ieri, grazie alla strategia messa in atto dalla Polizia di Stato che prevede un potenziamento dell’attività di controllo del territorio finalizzata al contrasto della microcriminalità realizzata dalle Volanti di Reggio Calabria, è stato arrestato un soggetto di 42 anni, con vari pregiudizi penali e di Polizia, ritenuto responsabile dei reati di rapina aggravata e violazione degli obblighi imposti dalla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

In particolare, ieri sera è arrivata una segnalazione al numero di emergenza 112 NUE di una rapina all’interno di una rivendita di tabacchi nella zona sud della città, dove il rapinatore servendosi di un taglierino per minacciare il titolare si era fatto consegnare l’incasso. A quel punto, l’uomo ha cercato di fuggire a bordo di un autobus del trasporto pubblico che stava transitando nei pressi della tabaccheria. Al rifiuto dell’autista di aprire le porte del mezzo e consentire la salita, il malfattore ha forzato le porte dell’autobus introducendosi all’interno e minacciando il conducente.

La capillare presenza delle Volanti in città ha consentito a più equipaggi di raggiungere tempestivamente l’autobus di linea e di bloccare al suo interno il 42enne che, nel frattempo, aveva cercato di disfarsi della refurtiva. La somma di 630 euro in contanti, recuperata nelle tasche dell’uomo unitamente al taglierino e ai guanti utilizzati per compiere la rapina, è stata restituita al titolare dell’attività commerciale e il soggetto, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la locale casa circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.