Nell’ambito delle varie attività disposte dal Comando Provinciale di Siracusa, i Finanzieri negli ultimi giorni, hanno dato corso a un mirato “dispositivo di contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale”

SI E' TRATTATO DI UNA AZIONE MESSA IN ATTO, PER TUTELARE IL MERCATO DI BENI E SERVIZI

0
193

Nell’ambito delle varie attività disposte dal Comando Provinciale di Siracusa, i Finanzieri negli ultimi giorni, hanno dato corso a un mirato “dispositivo di contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale” a tutela del mercato dei beni e servizi, sequestrando circa 450.000 prodotti contraffatti, non sicuri e/o in violazione delle norme a difesa del diritto d’autore.

Merce non sicura, in quanto priva del previsto marchio CE, è stata trovata negli esercizi commerciali siti in Augusta, Noto e Pachino, mentre articoli contraffatti sono stati rinvenuti su strada, in vendita in un mercato rionale di Floridia. Gli interventi sono l’effetto del costante impegno messo in atto su tutto il territorio della provincia per contrastare, in modo concreto, ogni forma di illecito.

Questi interventi si collocano nell’ambito delle molteplici iniziative che, unitamente ai servizi anti-Covid, eseguiti per arginare l’emergenza pandemica in corso, la Guardia di Finanza intraprende quotidianamente con l’obiettivo di reprimere le illegalità connesse non solo al circuito dell’evasione fiscale, ma anche a quei settori che rendono problematica la quotidianità ai cittadini che si comportano correttamente, tanto dal punto di vista economico, che sociale.