“Nonostante l’intenso calendario di incontri delle ultime settimane non è stata raggiunta l’intesa tra azienda e Rappresentanza Sindacale dei Lavoratori sul rinnovo del contratto integrativo dei Lavoratori marittimi e di terra del gruppo Caronte & Tourist operante sullo Stretto di Messina”

LO SCRIVONO IN UNA NOTA DI OGGI 4 NOVEMBRE 2023, I RESPONSABILI DEI SINDACATI FILT CGIL - FIT CISL - UILTRASPORTI - USLAC/UNCDIM FEDERMAR CISAL UGL MARE CONFINTESA MARE

118

“Nonostante l’intenso calendario di incontri delle ultime settimane non è stata raggiunta l’intesa tra azienda e Rappresentanza Sindacale dei Lavoratori sul rinnovo del contratto integrativo dei Lavoratori marittimi e di terra del gruppo Caronte & Tourist operante sullo Stretto di Messina”. Lo scrivono in una nota di oggi 4 novembre 2023, i responsabili dei Sindacati Filt Cgil – Fit Cisl – UilTrasporti – Uslac/Uncdim Federmar Cisal Ugl Mare Confintesa Mare.

Dichiarano i rappresentanti delle sigle sindacali e la RSU: “Abbiamo apprezzato l’autorevole mediazione di S.E. il Prefetto di Messina che ha dimostrato con convinzione la volontà di coadiuvare le parti nel tentativo di addivenire ad un’intesa che scongiurasse lo sciopero. Nonostante alcune aperture avanzate dalla società rispetto alle proposte iniziali la RSU che ha presieduto alla trattativa ha ritenuto non adeguata la piattaforma conclusiva raggiunta ed ancora lontana dalle rivendicazioni dei lavoratori. L’obiettivo che dal principio è stata alla base della proposta della RSU resta quello di colmare progressivamente un gap economico che nel tempo ha creato disparità tra lavoratori e che ha per le fasce salariali più deboli acuito le criticità economiche in un contesto nazionale finanziario difficile con l’aumento continuo del costo della vita”.

Si conclude così il testo: “al tempo stesso rivendichiamo l’adeguamento contrattuale per svariati lavoratori di terra a cui viene applicato un contratto diverso dal CCNL confitarma abbassando di fatto salari e tutele. Sarà sciopero pertanto dalle 9 di lunedì alle 17 in un contesto in cui l’impossibilità tra le parti di trovare un’intesa che tutelasse adeguatamente il diritto di sciopero e i servizi minimi da garantire all’utenza, ha consentito alla società di procedere con comandi in servizio ai lavoratori stabiliti in via unilaterale, che di fatto tendono a depotenziare la protesta e di certo non rappresentano il miglior viatico per un sereno proseguimento della vertenza”.