Operazione antidroga tra Palermo e Africo Nuovo (Rc) dei carabinieri del reparto operativo di Palermo: i militari hanno eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare, 10 in carcere e 5 ai domiciliari

IL PROVVEDIMENTO È DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI DEL TRIBUNALE DI SEDE

544

Testo…, tratto da… www.blogsicilia.it!

Operazione antidroga tra Palermo e Africo Nuovo (Rc) dei carabinieri del reparto operativo di Palermo: i militari hanno eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare, 10 in carcere e 5 ai domiciliari.

Le misure cautelari emesse
Il provvedimento è del gip di Palermo su richiesta della Dda. Gli arrestati sono accusati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, di avere agevolato l’attività mafiosa. Sono anche contestati vari episodi di detenzione, in concorso, di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Tra gli arrestati il capomafia di Partanna
I carabinieri hanno arrestato Michele Micalizzi, il genero del boss Rosario Riccobono, il capomafia di Partanna Mondello ucciso nel 1981: le indagini coordinate dalla procura oggi diretta da Maurizio de Lucia, dicono che Micalizzi sarebbe stato al centro di un traffico di droga dalla Campania e dalla Calabria.

Con lui, i militari del comando provinciale diretto dal generale Giuseppe De Liso hanno arrestato altre 14 persone (dieci sono in carcere, quattro sono andati ai domiciliari).

Attività di spaccio nei mandamenti mafiosi
L’indagine dell’operazione Gold Green ricostruisce l’attività di spaccio nei mandamenti mafiosi palermitani di Porta Nuova, Brancaccio, Tommaso Natale e San Lorenzo. L’organizzazione si riforniva di grosse quantità di droga in Calabria per poi rifornire i pusher nel capoluogo di diverse piazze di spaccio.

La droga arriva dalla Campania e della Calabria
L’indagine è iniziata nel settembre 2019 e ha consentito di individuare un’associazione dedita al traffico di stupefacenti che si occupava di importare a Palermo, tramite vari canali di rifornimento, grosse partite di droga di diversa tipologia, da immettere nelle piazze di spaccio del centro del capoluogo siciliano.

Al vertice i capi dei mandamenti
Al vertice dell’associazione ci sarebbero uomini d’onore, già definitivamente condannati, delle famiglie mafiose di Palermo Centro e di Partanna Mondello, che, con altri affiliati del mandamento di Brancaccio, già sottoposti a misura cautelare in un altro procedimento, avevano contatti con i fornitori di droga di Campania e Calabria e con spacciatori palermitani, incaricati di rivendere al dettaglio i chili di stupefacenti. Secondo quanto accertato dalle indagini i soldi del traffico di droga servivano per il mantenimento delle famiglie dei detenuti per mafia.

La droga sequestrata e i corrieri arrestati
Nel corso dell’inchiesta sono stati arrestati otto corrieri e sequestrate complessivamente 185 chili tra cocaina, hashish e crack e 52 mila euro in contanti. In un’abitazione di Pollena Trocchia (Na) i carabinieri hanno sequestrato 255 chili di hashish.