Pestaggio a Crotone di Davide Ferrerio, Caterina Villirillo, presidente dell’associazione Libere Donne e mamma di Giuseppe Parretta ucciso a 18 anni dal pluripregiudicato Salvatore Gerace, condannato all’ergastolo, non ci sta al ritratto della sua città emerso dopo il fatto criminoso

DICE LA DONNA: "L’ESCALATION DELLA VIOLENZA..., E' UN PROBLEMA NAZIONALE... FACCIAMO TANTE BATTAGLIE SUL TERRITORIO E NON E' VERO CHE NON DENUNCIAMO"

0
309

Articolo…, tratto da… Agenzia DIRE… www.dire.it!

Davide Ferrerio, ridotto in fin di vita a calci e pugni da Nicolò Passalacqua 22enne di Colleferro, è ricoverato nella rianimazione dell’ospedale Maggiore di Bologna ed è presto per capire il suo percorso di cure quale sarà. La mamma, Giusy Orlando, aveva rivolto a Crotone parole dure, definendola una città omertosa.

Caterina Villirillo, presidente dell’associazione Libere Donne e mamma di Giuseppe Parretta ucciso a 18 anni dal pluripregiudicato Salvatore Gerace, condannato all’ergastolo, non ci sta a questo ritratto della sua città, pur avendo pagato in prima persona un prezzo così alto.

“Sono andata alla fiaccolata per sostenere la famiglia di Davide– dichiara alla Dire- ci sta il dolore e lo sgomento, chi piu di me può capire, ma non sono d’accordo su quando la signora ha detto ‘dove eravate quando è stato aggredito Davide?’”.

“Facciamo tante battaglie sul territorio e non è vero che non denunciamo” ribadisce la mamma coraggio che proprio per il suo impegno in prima linea per la legalità e contro la violenza sulle donne si è esposta fino a pagare un prezzo così alto. L’escalation della violenza “è un problema nazionale” ribadisce Villirillo che proprio pensando all’aggressore del povero Davide ricorda il terribile pestaggio di Willy, avvenuto a Colleferro ad opera dei fratelli Bianchi.

“Va punito il mostro e le ragazze che incitavano all’aggressione. La mia città, i crotonesi mi sono stati vicini e so che stanno pregando per Davide”, conclude mamma Villirillo che commossa dà i migliori auguri per una guarigione del giovane.