Servizi ad ampio raggio della Squadra Mobile e dei Commissariati, improntati alla repressione dei reati predatori, soprattutto su strada, hanno consentito di trarre in arresto due soggetti egiziani

A TRARLI IN STATO DI FERMO, SONO STATI GLI AGENTI DELLA POLIZIA DI STATO DI ROMA

0
55

Servizi ad ampio raggio della Squadra Mobile e dei Commissariati, improntati alla repressione dei reati predatori, soprattutto su strada, hanno consentito di trarre in arresto due soggetti egiziani. La vittima della disavventura, un agente proveniente da fuori Roma, e libero dal servizio, si trovava in giro nel centro della capitale con alcuni amici quando, intorno alla mezzanotte, è stato avvicinato da due cittadini egiziani che, con un fare amichevole, ma invadente, hanno prima tentato di abbracciarlo e poi, dopo averlo strattonato, gli hanno sfilato la collanina dal collo, facendolo anche cadere a terra.

Da San Giovanni in Laterano, luogo dove si è verificato l’evento, i malviventi hanno tentato la fuga in due direzioni differenti. Inseguiti dalla vittima e dai suoi amici i rapinatori sono stati fermati a poca distanza, grazie anche all’immediato intervento dei “falchi” della Squadra Mobile e degli agenti del Commissariato Celio presenti in zona.

B.R.R.M. e G.M.A.A., rispettivamente di 20 e 22 anni, entrambi con precedenti di polizia, sono stati arrestati per rapina in concorso, mentre al primo, risultato essere sottoposto alla detenzione domiciliare, è stato contestato anche il reato di evasione. Per entrambi, all’esito dell’udienza di convalida, il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere.