Si scrive beach clean-up, si legge condivisione di valori e invito al rispetto per il Mare: nell’ambito delle iniziative per la Giornata Nazionale del Mare (che ricade l’11 aprile) Marevivo insieme al Gruppo Caronte & Tourist annunciano l’invito a partecipare alla pulizia “sincronizzata” delle spiagge delle isole minori della Sicilia

L’INIZIATIVA È PROGRAMMATA PER IL 14 APRILE, QUANDO CONTEMPORANEAMENTE A PARTIRE DALLE 10.30 SULLE SPIAGGE DI CALA SIDOTI DI USTICA, PRAIA DI FAVIGNANA, POZZOLANA DI LINOSA DECINE DI STUDENTI E VOLONTARI GUIDATI DA OPERATORI E PROFESSIONISTI DI MAREVIVO, SETACCERANNO LE SPIAGGE LIBERANDOLE DAI RIFIUTI, PROSEGUENDO IL PROGETTO GIÀ AVVIATO A PARTIRE DALLE ISOLE EOLIE NELLE SCORSE SETTIMANE

194

Si scrive beach clean-up, si legge condivisione di valori e invito al rispetto per il Mare: nell’ambito delle iniziative per la Giornata Nazionale del Mare (che ricade l’11 aprile) Marevivo insieme al Gruppo Caronte & Tourist annunciano l’invito a partecipare alla pulizia “sincronizzata” delle spiagge delle isole minori della Sicilia.

L’iniziativa è programmata per il 14 aprile, quando contemporaneamente a partire dalle 10.30 sulle spiagge di Cala Sidoti di Ustica, Praia di Favignana, Pozzolana di Linosa decine di studenti e volontari guidati da operatori e professionisti di Marevivo, setacceranno le spiagge liberandole dai rifiuti, proseguendo il progetto già avviato a partire dalle isole Eolie nelle scorse settimane. L’ultimo appuntamento è poi in programma a Pantelleria, il 19 aprile a Punta San Leonardo e Cala Bue Marino. Le giornate di beach clean-up organizzate da Marevivo da circa 40 anni nascono per sensibilizzare la popolazione e in particolare i più giovani e sono volte ad attivare cicli virtuosi di smaltimento.

Attraverso la raccolta annuale di tonnellate di rifiuti, inoltre, l’associazione esegue un’attività di monitoraggio e analisi sulla situazione dell’inquinamento delle spiagge in Italia, raccogliendo dati e informazioni preziose per la salvaguardia del Mare. Chiunque vorrà, dunque, potrà unirsi alla raccolta dei rifiuti a varie latitudini della Sicilia, contribuendo a liberare le spiagge in particolare della plastica – rifiuto notoriamente nocivo per l’ecosistema marino.