Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, è in corso una vasta operazione della Direzione Investigativa Antimafia su tutto il territorio nazionale con il coinvolgimento di oltre 500 operatori, per dare esecuzione a un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma – Direzione Distrettuale Antimafia, che dispone misure cautelari nei confronti di 18 persone, ritenute gravemente indiziate di far parte di due associazioni, con l’aggravante mafiosa, radicate in Roma e finalizzate alla consumazione di estorsioni, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego in attività economiche di proventi illeciti; reati aggravati dall’aver agevolato i clan di camorra MAZZARELLA – D’AMICO, le cosche della ‘ndrangheta MANCUSO e MAZZAFERRO e il clan SENESE

PIÙ IN PARTICOLARE, NEL CORSO DELLA ATTIVITÀ DI INDAGINE, AVVIATA NEL MARZO 2018 DALLA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA – CENTRO OPERATIVO DI ROMA CON IL COORDINAMENTO DELLA DDA DELLA PROCURA DI ROMA, SONO STATI RACCOLTI ELEMENTI GRAVEMENTE INDIZIARI IN ORDINE ALLA ESISTENZA DI UNA VERA E PROPRIA CENTRALE DI RICICLAGGIO, OPERANTE IN ROMA E CON INTERESSI IN TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE, CHE SI È AVVALSA DELLA FORZA DI INTIMIDAZIONE DEL VINCOLO ASSOCIATIVO E DELLA CONDIZIONE DI ASSOGGETTAMENTO DERIVANTE SIA DAGLI STRETTI LEGAMI CON LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI MAFIOSE TRADIZIONALI CHE PER L’IMMEDIATA DISPONIBILITÀ DI ARMI DA GUERRA E COMUNI DA SPARO

101

Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, è in corso una vasta operazione della Direzione Investigativa Antimafia su tutto il territorio nazionale con il coinvolgimento di oltre 500 operatori, per dare esecuzione a un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma – Direzione Distrettuale Antimafia, che dispone misure cautelari nei confronti di 18 persone, ritenute gravemente indiziate di far parte di due associazioni, con l’aggravante mafiosa, radicate in Roma e finalizzate alla consumazione di estorsioni, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego in attività economiche di proventi illeciti; reati aggravati dall’aver agevolato i clan di camorra MAZZARELLA – D’AMICO, le cosche della ‘ndrangheta MANCUSO e MAZZAFERRO e il clan SENESE.

Più in particolare, nel corso della attività di indagine, avviata nel marzo 2018 dalla Direzione Investigativa Antimafia – Centro operativo di Roma con il coordinamento della DDA della Procura di Roma, sono stati raccolti elementi gravemente indiziari in ordine alla esistenza di una vera e propria centrale di riciclaggio, operante in Roma e con interessi in tutto il territorio nazionale, che si è avvalsa della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento derivante sia dagli stretti legami con le organizzazioni criminali mafiose tradizionali che per l’immediata disponibilità di armi da guerra e comuni da sparo.

Unitamente alle misure cautelari personali il Giudice per le Indagini Preliminari ha disposto il sequestro preventivo di 3 società e per equivalente fino alla concorrenza della somma complessiva di euro 131.826.000,00 profitto dei reati, nei confronti di n. 57 indagati, per i quali vige il principio di presunzione di innocenza, da eseguirsi sui beni nella disponibilità degli stessi. Seguirà comunicato stampa.