Un incendio è divampato nella notte a bordo del traghetto Cossyra in viaggio da Lampedusa verso Porto Empedocle: le squadre antincendio di bordo, subito entrate in azione, hanno lavorato circoscrivendo subito le fiamme

A BORDO DELLA NAVE C’ERANO 83 MIGRANTI CHE ERANO STATI TRASFERITI DALL’HOTSPOT DI LAMPEDUSA, UNA SQUADRA CARABINIERI DEL REGGIMENTO PUGLIA E PERSONALE DELLA CROCE ROSSA OLTRE A 55 PASSEGGERI

215

Un incendio è divampato nella notte a bordo del traghetto Cossyra in viaggio da Lampedusa verso Porto Empedocle: le squadre antincendio di bordo, subito entrate in azione, hanno lavorato circoscrivendo subito le fiamme. A bordo della nave c’erano 83 migranti che erano stati trasferiti dall’hotspot di Lampedusa, una squadra carabinieri del reggimento Puglia e personale della Croce Rossa oltre a 55 passeggeri.

Fiamme sviluppatesi in sala macchine
L’incendio, sviluppatosi nella sala macchine del traghetto Cossyra che collega Lampedusa con Porto Empedocle, sarebbe stato circoscritto nel giro di un’ora. Sono entrati regolarmente in funzione anche i sistemi di sicurezza Co2 che hanno funzionato perfettamente. La situazione, secondo le prime informazioni fornite via radio, sarebbe sempre stata sotto controllo. L’incidente non ha causato alcun ferito. In via precauzionale tuttavia due motovedette della capitaneria di porto, la Diciotti e la Sar-2, sono intervenute per verificare le condizioni del traghetto fermo a circa cinque miglia dall’isola di Linosa.

Tutti evacuati
Sono stati, così, tutti evacuati e trasbordati sulla nave Diciotti della Capitaneria di porto i 175 passeggeri del traghetto di linea Cossyra. Solo una famiglia, composta da tre adulti e un bambino di 14 mesi, proprio pe rla presenza del piccolo, è stata fatta salire sulla motovedetta Cp324 che è giunta rapidamente a Lampedusa, mentre tutti gli altri vengono trasportati a Porto Empedocle con la nave Diciotti. L’evacuazione è stata decisa, durante la notte, per motivi di opportunità, ossia per evitare che i passeggeri rimanessero troppo tempo in attesa sulla nave, e non in sicurezza. Non c’è mai stato infatti alcun pericolo per l’incolumità dei passeggeri.

L’incendio
L’incendio si è sviluppato mentre la nave di linea si trovava a 5 miglia a Sud di Linosa. A bordo c’erano complessivamente 175 persone, di cui 83 migranti trasferiti dall’hotspot di Lampedusa, 10 carabinieri del reggimento Puglia, 27 membri dell’equipaggio e 55 passeggeri. Le fiamme sono state prima circoscritte e poi spente grazie ai sistemi di sicurezza. Il traghetto, subito dopo che il rogo è stato domato, è rimasto fermo, in attesa dell’arrivo delle due unità della Capitaneria sulle quali è stato fatto il trasbordo di passeggeri, migranti e carabinieri.

Foto: tratta…, da… www.blogsicilia.it!