Un uomo di 54 anni è stato arrestato dai carabinieri di Premosello-Chiovenda, nel Verbano-Cusio-Ossola, per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della ex fidanzata e ora si trova in carcere a Verbania

A CHIEDERE AIUTO È STATA LA STESSA DONNA, RIFERENDO DI ESSERE STATA PICCHIATA E CHE L'UOMO LA STAVA INSEGUENDO

218

Testo…, tratto da… www.ansa.it/piemonte!

Un uomo di 54 anni è stato arrestato dai carabinieri di Premosello-Chiovenda, nel Verbano-Cusio-Ossola, per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della ex fidanzata e ora si trova in carcere a Verbania. A chiedere aiuto è stata la stessa donna, riferendo di essere stata picchiata e che l’uomo la stava inseguendo.

I militari hanno intercettato l’uomo, in t-shirt e mutande, mentre rincorreva per il paese la vittima. Secondo quanto riferito i due, al termine della relazione, erano rimasti a vivere nella stessa abitazione ma, al termine di una discussione per futili motivi, l’uomo ha colpito l’ex compagna in testa con lo smartphone e, quando lei ha cercato di fuggire, l’ha rincorsa lanciandole addosso dei vasi. Non si sarebbe trattato del primo episodio…, le violenze si sarebbero verificate da anni e nell’ultimo periodo la situazione sarebbe peggiorata.

Dalle verifiche dei militari è emerso anche che l’uomo, pochi giorni fa, era stato denunciato per avere mandato dei messaggi minacciosi all’ex fidanzato della sua attuale compagna e che, nei mesi scorsi, altre donne con cui aveva intrapreso relazioni lo avevano denunciato per atti persecutori e fatti simili. Per la donna è scattato il codice rosso.