“Vi sono numerose testimonianze dell’esecuzione di questa ordinanza, tra cui quella del Sindaco di Lacco Ameno che ha parlato di una ‘sconfitta dello Stato’ e ‘della giornata più nera della sua vita’, e la registrazione audio di un giornalista: Queste testimonianze dimostrano che il prelievo forzoso del bambino, con la partecipazione dei vigili del fuoco e della polizia, ha comportato la rimozione della porta e l’irruzione in casa tra urla, terrore e pianti… il bambino è stato strappato dalle braccia della madre in cui si era rifugiato, come qualunque bambino terrorizzato da eventi avversi e incontrollabili che colpiscono improvvisamente certezze e percezioni circa la propria sicurezza (il sentirsi sicuro nella propria casa e al riparo tra le braccia della propria madre)”

QUESTA LA DENUNCIA CHE LE PSICOLOGHE DEL PROTOCOLLO NAPOLI AFFIDANO A UN COMUNICATO STAMPA PER CHIEDERE INFORMAZIONI SULLE SORTI DEL PICCOLO MATTIA (NOME DI FANTASIA) STRAPPATO ALLA MAMMA, ACCUSATA DI ESSERE OSTATIVA, IL 1 DICEMBRE PER ESSERE COLLOCATO IN CASA FAMIGLIA E DEL QUALE NON SI HANNO NOTIZIE

142

Testo…, tratto da… www.dire.it!

“Vi sono numerose testimonianze dell’esecuzione di questa ordinanza, tra cui quella del Sindaco di Lacco Ameno che ha parlato di una ‘sconfitta dello Stato’ e ‘della giornata più nera della sua vita’, e la registrazione audio di un giornalista: Queste testimonianze dimostrano che il prelievo forzoso del bambino, con la partecipazione dei vigili del fuoco e della polizia, ha comportato la rimozione della porta e l’irruzione in casa tra urla, terrore e pianti… il bambino è stato strappato dalle braccia della madre in cui si era rifugiato, come qualunque bambino terrorizzato da eventi avversi e incontrollabili che colpiscono improvvisamente certezze e percezioni circa la propria sicurezza (il sentirsi sicuro nella propria casa e al riparo tra le braccia della propria madre)”. Questa la denuncia che le psicologhe del Protocollo Napoli affidano a un comunicato stampa per chiedere informazioni sulle sorti del piccolo Mattia (nome di fantasia) strappato alla mamma, accusata di essere ostativa, il 1 dicembre per essere collocato in casa famiglia e del quale non si hanno notizie.

Continua il testo diffuso dai membri del Protocollo Napoli, centro studi e ricerche sulla vittimizzazione secondaria (Aps Psy-com), che ribadiscono: “riteniamo quindi che, come chiunque può vedere, l’esecuzione dell’ordinanza abbia provocato in Mattia un trauma gravissimo, dal quale anche come psicologhe sappiamo che sarà molto difficile riprendersi a causa delle implicazioni che un trauma del genere può comportare su tutto l’assetto di vita di un bambino. Quanto già espresso in occasione del decreto, emesso dal Tribunale di Napoli, che richiedeva l’allontanamento dalla madre e il ricovero in comunità del piccolo, anche con l’uso della forza e rimuovendo ostacoli mobili e immobili. La sospensiva della misura, concessa dalla Corte d’appello, su ricorso della madre, è stata poi superata dalla conferma delle disposizioni già prese dal Tribunale di Napoli. Prima di questo epilogo Protocollo Napoli, come altre associazioni e centri anti violenza, si era battuto perché ciò non accadesse. L’ordinanza è stata eseguita, con le modalità indicate”.

Continuano le esperte del Protocollo Napoli: “gli effetti del trauma- denunciano le esperte riferendosi al prelevamento forzoso- risultano generalmente resistenti alle cure psicoterapeutiche, se esso si reitera e si consolida e se quel bambino non viene sottratto rapidamente alle condizioni che lo isolano dal proprio mondo affettivo e sociale e quando soprattutto lo tengono lontano della figura materna, in cui evidentemente venivano riposti affetto e fiducia. Ricordiamo che contro questo tipo di trattamento traumatico (in assenza di rischi per la vita), che separa ex abrupto il bambino dal genitore collocatario – in questo caso la madre – procurandogli ingiuste sofferenze e traumi, si sono espresse nel tempo varie Ordinanze di Cassazione: 9691/22; 13217/21; 21425/22; e poi: CEDU, Sentenza del 10 novembre 2022 – Ricorso n. 25426/20 – Causa I.M. e altri c. Italia; e ancora: Corte di Appello di Roma, Sezione minorenni del 3.11.20; Corte di appello di Venezia terza sezione civile, del 12.12.22. Con questi presupposti e confortato dai tanti giudizi di Cassazione e di Appello nonché della CEDU”.

Concludono da Protocollo Napoli: “abbiamo denunciato la nocività di queste procedure giudiziarie- ancora diffuse sul territorio nazionale, e continuiamo oggi a farlo nel caso del bambino di Ischia, senza per questo considerarsi irrispettoso dell’ordinamento giudiziario e del Tribunale di Napoli come istituzione nel suo complesso. Riteniamo quindi necessario e chiediamo con forza che il bambino sia affrancato da un ingiusto ricovero in comunità che lede la sua salute, procura gravi danni alla sua integrità psico-fisica e che siano pertanto ripristinati i suoi diritti… al domicilio, ai legami familiari originari, al permanere nel suo contesto di vita, alla salute, al benessere e alla sicurezza personale”.