Vittorio Cecchi Gori è ricoverato in terapia intensiva al Policlinico Gemelli per «insufficienza respiratoria»: a darne notizia, in diretta su Rai1, ospite di ‘Storie Italiane’, Angelo Perrone, press agent e amico di Rita Rusic

LA RUSIC HA SPIEGATO: «VITTORIO ERA ENTRATO LUNEDÌ AL GEMELLI PER CONTROLLI PREVISTI E LEGATI AD UNA SATURAZIONE BASSA, POI IERI HA AVUTO UNA CRISI RESPIRATORIA ED È STATO TRASFERITO IN TERAPIA INTENSIVA, PER INSUFFICIENZA RESPIRATORIA»

264

Testo…, tratto da… www.ilmessaggero.it!

Vittorio Cecchi Gori è ricoverato in terapia intensiva al Policlinico Gemelli per «insufficienza respiratoria»: a darne notizia, in diretta su Rai1, ospite di ‘Storie Italiane’, Angelo Perrone, press agent e amico di Rita Rusic.

La Rusic ha spiegato: «Vittorio era entrato lunedì al Gemelli per controlli previsti e legati ad una saturazione bassa, poi ieri ha avuto una crisi respiratoria ed è stato trasferito in terapia intensiva, per insufficienza respiratoria».

Il ricovero post Covid nel 2022
A gennaio del 2022 il produttore televisivo era stato ricoverato sempre al policlinico Gemelli di Roma per complicanze polmonari dovute al Covid. Dopo ore di paura, l’ex senatore e presidente della Fiorentina (79 anni) si era ripreso. «Ho solo una polmonite, niente Covid che in realtà ho già avuto e ne sono guarito – disse dall’ospedale -. Sono sereno: il fatto è che a 80 anni ci si indebolisce, mi danno l’ossigeno, ma niente Covid». Il medico di fiducia Antonio De Luca aveva descritto così la complicanza: «Si tratta di una complicazione dovuta sicuramente al Covid, da cui è guarito. Ora è negativo, ma è stato necessario un ricovero d’urgenza». Cecchi Gori è da tempo agli arresti domiciliari dopo la condanna a otto anni per bancarotta fraudolenta.

L’intervento nel 2019
Nel settembre del 2019 era stato sottoposto a un’operazione d’urgenza nella notte, presso il Policlinico Gemelli di Roma, a causa di una appendicite acuta con peritonite. Dopo l’intervento per precauzione Cecchi Gori era stato ricoverato presso la Tipo del Policlinico Gemelli, diretta da Massimo Antonelli, dove era stato stabilizzato. «Le condizioni del paziente sono stabili e il trend in miglioramento lascia prevedere una rapida dimissione dalla Terapia intensiva post chirurgica, salvo imprevedibili variazioni», precisò il Gemelli.

L’arresto cardiaco nel 2017
Il produttore fu inoltre ricoverato d’urgenza nel dicembre del 2017 per un arresto cardiaco. Fu dimesso dal Gemelli dopo oltre due mesi di ricovero. All’uscita dall’ospedale apparve molto dimagrito.