Non c’e’ stata alcuna diffamazione negli articoli pubblicati tra settembre e novembre del 2009 sul sito Internet ‘www.antimafiaduemila.com’ e sul blog ‘www.enricodigiacomo.org’ e dedicati all’affare del Parco commerciale di Barcellona Pozzo di Gotto e, in particolare, al ruolo ricoperto dalla societa’ DiBeca e dalla famiglia legata all’imprenditore Rosario Pio Cattafi, condannato in appello lo scorso ottobre a Reggio Calabria a 6 anni di carcere per associazione di stampo mafioso

ELISA DI GIOVANNI, IL GIUDICE DELLA SEZIONE CIVILE DEL TRIBUNALE LOCALE, NELLE ORE SCORSE HA ASSOLTO I CRONISTI ANTONIO MAZZEO ED ENRICO DI GIACOMO

0
112

Articolo…, tratto da… www.stampalibera.it!

Non c’e’ stata alcuna diffamazione negli articoli pubblicati tra settembre e novembre del 2009 sul sito Internet ‘www.antimafiaduemila.com’ e sul blog ‘www.enricodigiacomo.org’ e dedicati all’affare del Parco commerciale di Barcellona Pozzo di Gotto e, in particolare, al ruolo ricoperto dalla societa’ DiBeca e dalla famiglia legata all’imprenditore Rosario Pio Cattafi, condannato in appello lo scorso ottobre a Reggio Calabria a 6 anni di carcere per associazione di stampo mafioso. Anzi, quegli articoli, con ‘focus’ rivolto “al business dei centri commerciali” in odore di Mafia, sono frutto di “un lavoro di ricerca delle fonti minuzioso e dettagliato, sintomatico dell’interesse a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica su fatti ed avvenimenti socialmente rilevanti”. Lo ha stabilito il giudice della sezione civile del tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, Elisa Di Giovanni, che ha respinto la richiesta di condanna al pagamento dei danni, patrimoniali e non, avanzata dagli architetti Mario e Santino Nastasi (fratelli) e Giovanni Cattafi, oltre che dalla stessa DiBeca (di cui ha fatto parte per un periodo lo stesso Rosario Cattafi).

Per il giudice, “le notizie dal sapore inquisitorio tipico dell’inchiesta su affari di pubblico interesse, risultano riportate, nella maggior parte della estensione contenutistica, attraverso le virgolette, sintomo della riproduzione delle fonti” da cui ha attinto il giornalista Antonio Mazzeo (foto), poi diffusi telematicamente da Enrico Di Giacomo (direttore responsabile del blog) e Giorgio Bongiovanni (direttore responsabile della rivista on line Antimafiaduemila), tutti e tre processualmente tutelati dagli avvocati Fabio Repici e Maria Rita Cicero (nel processo erano imputati anche Antonello Mangano e Giuseppe Restifo, anch’essi assolti e difesi dall’avvocato Carmelo Picciotto).

Tra le fonti citate figurano la relazione della Commissione prefettizia sul condizionamento mafioso del Comune di Barcellona P.G. del luglio 2006, l’informativa del Gico di Firenze del 3 aprile 1996 e la relazione di minoranza della Commissione parlamentare antimafia della XIV legislatura, primo firmatario Giuseppe Lumia. Per il giudice, l’inchiesta giornalistica, oggetto di contestazione, “resta confinata entro le maglie del rispetto della dignita’ umana e professionale, stante l’assenza di aggettivi qualificativi aggressivi o dileggiatori rivolti alla persona umana o alla figura professionale”.

Quanto poi alla circostanza per cui la DiBeca viene “indicata come una societa’ mafiosa che intrattiene rapporti economici con soggetti contigui ad ambienti criminali di natura mafiosa, inserita in una cittadina anch’essa mafiosa”, il tribunale ha osservato che, “dalla lettura dei contenuti degli articoli, oggetto di puntuale trascrizione gia’ nel corpo della citazione introduttiva – oltreche’ di produzione – non consta evidenza di impiego di locuzioni definitorie della societa’ in questione elusive del canone della continenza giornalistica”. Insomma, “gli stessi articoli sono rivelatori dell’intento primario di sensibilizzare l’opinione pubblica su affari di interesse generale, perseguito mediante il richiamo a fonti di informazione di attendibile provenienza la cui matrice investigativa non puo’ che riflettersi sul tono suggestivo impiegato senza, tuttavia, tradursi in attacco personale”.