E’ stata chiamata “Oro Rosso” l’operazione della Polfer portata a termine ieri in Sicilia, grazie alla quale sono state controllate 160 persone

VI SONO STATI 2 DENUNCIATI E 30 CONTROLLI PRESSO ROTTAMAI, SITUATI LUNGO LA LINEA FERROVIARIA E SU STRADA

0
228

E’ stata chiamata “Oro Rosso” l’operazione della Polfer portata a termine ieri in Sicilia, grazie alla quale sono state controllate 160 persone, con 2 denunciati e 30 controlli effettuati presso rottamai, lungo la linea ferroviaria e su strada.

In particolare gli agenti della Sezione Polfer di Catania, nel corso di un controllo nell’area del comune di Palagonia, si sono insospettiti alla vista di alcune persone all’interno di un sito sottoposto a sequestro a giugno del 2019. Immediatamente sono scattate le verifiche che hanno portato alla denuncia di due uomini, padre e figlio, rispettivamente di 69 e 44 anni, per i reati di sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro e violazione di doveri inerenti la custodia di cose sottoposte a sequestro. Gli investigatori, infatti, hanno accertato la mancanza di parte del materiale sequestrato più di un anno prima, consistente in diversi motori di frigorifero e circa 10 Kg di rame sguainato, materiale che era stato affidato in custodia ai due denunciati e che, come da loro stessa ammissione, è stato da loro rivenduto per far fronte alle difficoltà economiche.

A Palermo, invece, nell’area del deposito locomotive del Parco Chiovara, la Polfer ha rinvenuto e sottoposto a sequestro, uno zaino contenente attrezzatura atta allo scasso e al furto. Lo zaino è stato abbandonato da tre soggetti che stavano trafficando con materiale ferroso nel sito e che, una volta scoperti dalla Polizia, sono fuggiti lungo i binari.