Con una ordinanza appena pubblicata, il sindaco Pippo Midili ha disposto una serie di restrizioni valide da sabato 3 a lunedì 5 aprile, che vanno ad aggiungersi a quelle già previste dalla normativa nazionale che prevede per quei giorni la zona rossa in tutta Italia

IL PROVVEDIMENTO DEL PRIMO CITTADINO DI MILAZZO, PREVEDE IL DIVIETO DI ACCESSO PEDONALE AD AREE DELLA CITTA' TRADIZIONALMENTE META DI GITA NEI GIORNI FESTIVI E DI RICORRENZA COME LA PASQUA

0
31

Con una ordinanza appena pubblicata, il sindaco Pippo Midili ha disposto una serie di restrizioni valide da sabato 3 a lunedì 5 aprile, che vanno ad aggiungersi a quelle già previste dalla normativa nazionale che prevede per quei giorni la zona rossa in tutta Italia. In particolare, il provvedimento del sindaco prevede il divieto di accesso pedonale ad aree della città tradizionalmente meta di gita nei giorni festivi e di ricorrenza come la Pasqua.

Le zone interessate sono:

  • piazza Sant’Antonio e via S. Antonio (Capo Milazzo);
  • tutte le spiagge del litorale di Ponente e Levante;
  • piazza Ngonia Tono;
  • piano Baele;
  • via Francesco Crispi;
  • Lungomare Garibaldi;
  • via Giacomo Medici;
  • piazza Caio Duilio e piazza Duomo.

La possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti resta consentita nel rispetto delle norme anti-covid e del divieto di assembramento. E’ comunque sempre consentito, in applicazione delle norme emergenziali in materia, il raggiungimento delle abitazioni private e, per comprovate esigenze lavorative, nonché per situazioni di necessità ovvero motivi di salute disciplinati da specifica normativa anticovid-19.

Il provvedimento, si legge nel testo: “si rende necessario e urgente per evitare ogni forma di assembramento su area pubblica e violazioni degli obblighi di distanziamento sociali e di corretto utilizzo dei dispositivi di protezione”.