Una lettera dell’architetto Nino Principato, su piazza Cairoli

PER PRECISARE, ALCUNI PUNTI

3015

Leggo su Messina Magazine “Il parere dell’architetto Maria Gangemi, su piazza Cairoli” che in toni offensivi parla di “scempio”, di “materiali accostati senza senso”, “ennesima immancabile palma”, “sarcofagi atti a far sedere le persone”. Avevo deciso di non rispondere a tali, gratuite esternazioni frutto di ignoranza (non è un’offesa, “ignoranza” significa che non si conosce una cosa) e totale disinformazione facendo mia la frase di Dante Alighieri “Non ti curar di loro ma guarda e passa”.

Ma quando quello dell’arch. Gangemi non è un suo parere motivato e accompagnato dalle sue proposte alternative, ma è solo il denigrare ad ogni costo il lavoro altrui, sport nazionale di questa infelice città praticato da tutti e a tutti i livelli, non posso esimermi dal risponderle in maniera che in futuro, quando scrive di queste o altre cose, abbia almeno il buon senso e la bontà di informarsi per conoscere i fatti prima di pontificare dal suo pulpito:
1) L’architetto Gangemi dovrebbe spiegare cosa avrebbe fatto lei con l’esigua somma di € 268.895,40 impegnata con i fondi TASI per i lavori di messa in sicurezza, si badi bene, e non di riqualificazione urbana;
2) L’architetto Gangemi non sa che buona parte della somma destinata ai lavori è stata utilizzata per rimuovere ed eliminare definitivamente tutti i pericolosissimi pannelli in lamiera traforata che si staccavano dalla lunga (80 metri) pensilina metallica;
3) L’architetto Gangemi non sa che nella lunga pensilina (sempre 80 metri) è stata collocata, al posto della degradatissima copertura in ondulato plastico preesistente, una copertura in acciaio grecato immune alla ruggine;
4) L’architetto Gangemi non sa che la lunga pensilina (sempre 80 metri) è stata interamente ritinteggiata con vernice color canna di fucile;
5) L’architetto Gangemi non sa che sono stati sostituiti i 4 anelli arrugginiti alla base delle quattro colonne del portale del tram, con altri in acciaio esenti dalla ruggine;
6) L’architetto Gangemi non sa che è stata collocata una tubazione in polietilene per la raccolta delle acque piovane tramite posizionamento di griglie carrabili;
7) L’architetto Gangemi non sa che è stato realizzato un impianto idrico automatico per le tre aiuole destinate ad accogliere il futuro prato;
8)L’architetto Gangemi non sa che è stata collocata la rete zincata elettrosaldata per la stabilizzazione del nuovo pavimento in pietra lavica;
9) L’architetto Gangemi non sa che la palma (peraltro una Washingtonia philiphera robusta resistente al punteruolo rosso) è stata collocata in quel punto solo e soltanto quale elemento simbolico esattamente in asse con la lunga via Garibaldi, per segnalare visivamente da lontano la piazza, ciò che è una riproposizione di una consuetudine tutta messinese precedente e dopo il sisma del 1908, di impiantare nelle masserie, ville suburbane, case coloniche, edifici strumentali per le attività agricole, una palma solitaria per indicare a distanza la loro presenza (si faccia un giro per il territorio comunale e si accorgerà di ciò);
10) L’architetto Gangemi non sa che per la nuova pavimentazione è stata volutamente usata la pietra lavica, materiale eminentemente siciliano, contrariamente a quello esistente in adiacenza che è la “pietra di Lessinia” proveniente dai monti Lessini di Verona e la “pietra di Luserna”, proveniente dal Piemonte, peraltro materiali costosissimi e che non hanno niente a che vedere con la cultura e la tradizione siciliana;
11) L’architetto Gangemi evidentemente, essendo notoriamente più brava di noi progettisti, arch. Salvatore Corace e arch. Nino Principato, falliti dipendenti comunali, avrebbe progettato una bella panchina e non “sarcofagi atti a far sedere le persone” che, tra l’altro, hanno invece un disegno architettonico frutto di uno studio rigorosamente meditato;
12) L’architetto Gangemi non sa… ma mi fermo qui per non abusare troppo della Sua ospitalità. La ringrazio e cordiali saluti.