Alla Casa del Cinema di Roma si è svolta la seconda edizione del premio dedicato a Giulietta Masina, promosso da Oltre le parole onlus, con il sostegno della Regione Lazio, assegnato a Milena Vukotic

LA PREMIATA..., NON E' SOLO UNA ATTRICE DI INDISCUSSO TALENTO, MA E' STATA ANCHE UNA CARA AMICA DI COLEI ALLA QUALE VIENE DESTINATA LA RASSEGNA

0
125

Articolo…, tratto da… www.dire.it!

Alla Casa del Cinema di Roma si è svolta la seconda edizione del premio dedicato a Giulietta Masina, promosso da Oltre le parole onlus, con il sostegno della Regione Lazio, assegnato a Milena Vukotic.

La Vukotic, non è solo attrice di indiscusso talento, ma è stata una cara amica di Giulietta Masina anche nei momenti più difficili: “è un premio che mi riempie d’orgoglio oltre l’immaginabile – racconta commossa la stessa attrice – “lei per me è stata un grande esempio di vita. Fui folgorata da “La Strada” di Fellini, e mi cambiò completamente la vita. È una coincidenza meravigliosa: mi ricordo di quando mi trovavo a casa Fellini con Giulietta e Federico, lei mi dava tanti consigli. Era una musa, recitare con lei fu un sogno”.

Il premio ideato dal regista Pascal La Delfa, coincide quest’anno proprio con il centenario della nascita della celebre artista Masina, grande attrice e moglie di Federico Fellini, cui il premio è intitolato. La Delfa dichiara soddisfatto: “Ci siamo a lungo interrogati su come fosse possibile che in Italia non esistesse un premio intitolato a una donna straordinaria come Giulietta Masina, due volte premio Oscar (unica donna italiana nella storia, ndr.) grande esempio di come l’arte ci insegni a chiarire ciò che nella vita è ingarbugliato”. Lo stesso ideatore aggiunge: “Il teatro è arte ma anche sociale, empatia, incontro, sia nei teatri più fastosi che nei piccoli di periferia, in cui si regalano sogni e speranze a chi ne avrebbe poche”. La premiazione è avvenuta alla Casa del Cinema di Roma alla presenza di Francesca Fabbri Fellini, ultima erede del celebre regista, che per l’occasione ha presentato il cortometraggio “La Fellinette”, che ha vinto quest’anno il premio speciale 75nella sezione corti alla 75ma edizione dei nastri d’argento, e che vede tra i protagonisti la stessa Milena Vukotic, Ivano Marescotti e Sergio Bini(Bustric).

“Sono felicissima di questo premio per Zia Gétta, come la chiamavamo, perché lo meritava lo meritava”, racconta raggiante la Fabbri Fellini “Sono molto lieta che il premio vada a Milena perché lei come Giulietta Masina sono due grandi donne, esempi di amore per la vita ed il lavoro”.

Parterre d’eccezione per omaggiare il centenario della nascita della Masina: artisti di spicco come Roberta Caronia, lo stesso Sergio Bini (Bustric), M. Letizia Gorga, Luca Verdone, Leopoldo Mastelloni e Pino Ammendola hanno presenziato all’evento. Oltre al riconoscimento, la manifestazione quest’anno si è arricchita inoltre di due ulteriori progetti: un concorso per monologhi per giovani attrici, denominato “Concorso Gelsomina” (in onore della celebre interpretazione della Masina nel film premio Oscar “La Strada”), la proiezione di un video di testimonianze sulla celebre artista, e una serie di spettacoli di teatro di strada che avranno luogo fino a fine mese 2021, ispirati al personaggio felliniano di Gelsomina.

Alla serata, hanno preso parte inoltre personaggi del mondo politico ed istituzionale, tra i quali il deputato Federico Mollicone fondatore del Gruppo Interparlamentare Cultura, Arte e Sport, che si è speso con entusiasmo e partecipazione per la realizzazione dell’evento, e sorridente ha raccontato: “penso sia davvero importante sostenere un premio come questo che valorizza e riscopre la figura di un’attrice straordinaria, lo abbiamo patrocinato e presentato al Senato, per testimoniare la vicinanza del Parlamento e per rafforzare l’amore per il cinema, il teatro e l’arte tutta. Portiamo inoltre una buona notizia dall’aula, legata quest’ultima finanziaria approvata un po’ frettolosamente: l’aumento del Tax-Credit che darà nuova linfa, speranza e slancio al settore dello spettacolo in Italia”. Tutte le attività sono a titolo gratuito, grazie al finanziamento della Regione Lazio e l’impegno dell’associazione Oltre le Parole onlus.