Ancora coltivazioni di droga nel Palermitano individuate dai carabinieri grazie ai controlli dall’alto

NELLE SCORSE ORE, I MILITARI DI CARINI..., HANNO ARRESTATO IN FLAGRANZA DI REATO UN 51ENNE ACCUSATO DI COLTIVAZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI

0
356

Ancora coltivazioni di droga nel Palermitano individuate dai carabinieri grazie ai controlli dall’alto. Le aree adibite a coltivazione di droga sono, infatti, spesso ben nascoste e difficilmente individuabili da terra

I carabinieri della compagnia di Carini hanno, così, arrestato in flagranza un 51enne accusato di coltivazione di sostanze stupefacenti. Con il supporto aereo dei militari del 9° Nucleo Elicotteri carabinieri, è stata individuata, in un appezzamento di terreno di proprietà dell’indagato, fuori dal centro abitato, un’estesa piantagione di cannabis indica composta da 451 piante aventi fusto tra i 70 ed i 200 centimetri pronte per la raccolta, nascoste tra le fila di altre coltivazioni e irrigate con apposito impianto collegato all’abitazione del carinese.

Una seconda piantagione non distante
L’uomo è stato arrestato e il gip ha disposto i domiciliari. Non distante da quel terreno è stata trovata una piantagione con 85 piante aventi fusto tra i 100 ed i 120 centimetri, anch’esse pronte per la raccolta. Sono in corso le indagini per identificare il proprietario della coltivazione.

Parte della droga è stata campionata e, successivamente, inviata al laboratorio di analisi sostanze stupefacenti del comando provinciale di Palermo per gli esami tecnici. Il restante quantitativo è stato distrutto sul posto, su disposizione dell’autorità giudiziaria.