Il procedimento dei riti ordinari sui furti d’auto e motorino con “riscatto” al rione Giostra, i cosiddetti “cavalli di ritorno”, che nel luglio del 2022 portò a dodici misure cautelari, in esecuzione dell’ordinanza di custodia emessa dal gip Maria Militello… si chiude con cinque condanne e quattro assoluzioni, più un “non doversi procedere” per mancanza di querela

IERI È STATA ESTESA..., LA SENTENZA DELLA PRIMA SEZIONE PENALE DEL TRIBUNALE DI MESSINA PRESIEDUTA DAL GIUDICE FRANCESCO TORRE E COMPOSTA DALLE COLLEGHE CONCETTA MACCARRONE E ROSA ALIBERTO

168

Testo…, tratto da… www.gazzettadelsud.it!

Il procedimento dei riti ordinari sui furti d’auto e motorino con “riscatto” al rione Giostra, i cosiddetti “cavalli di ritorno”, che nel luglio del 2022 portò a dodici misure cautelari, in esecuzione dell’ordinanza di custodia emessa dal gip Maria Militello… si chiude con cinque condanne e quattro assoluzioni, più un “non doversi procedere” per mancanza di querela. Ieri è stata estesa…, la sentenza della prima sezione penale del tribunale di Messina presieduta dal giudice Francesco Torre e composta dalle colleghe Concetta Maccarrone e Rosa Aliberto.

Si trattava complessivamente di dieci imputati, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al furto – i quattro indagati ritenuti maggiormente responsabili -, e poi di ricettazione, riciclaggio e estorsione. Dopo la richiesta di rinvio a giudizio del pm Giuseppe Adornato erano in origine 17 gli imputati comparsi davanti al gup, mentre ieri al processo erano coinvolti: Francesco Bucalo, Massimiliano Santapaola, Nicola Ieni, Giuseppe Astuto, Giuseppe Previti, Marcello Nunnari, Pippo Molonia, Giovanni Cantarella, Natale Schifilliti, e Kevin Arena. Sono stati assistiti dagli avvocati Luigi Gangemi, Salvatore Silvestro, Gianmarco Silvestro, Antonio Amata, Antonello Scordo e Giovanni Mannuccia.
La sentenza.

Cinque le condanne: Francesco Bucalo, 2 anni e 8 mesi più 700 euro di multa; Massimiliano Santapaola, 2 anni e 6 mesi più 600 euro di multa; Nicola Ieni, 2 anni e 6 mesi più 600 euro di multa; Giuseppe Astuto, 3 anni e 1000 euro di multa; Giuseppe Previti, 2 anni e 8 mesi più 700 euro di multa. Quattro le assoluzioni totali, che hanno riguardato Nunnari, Molonia, Cantarella e Schifilliti con la formula “perché il fatto non sussiste”. Assoluzioni parziali hanno registrato invece Bucalo e Santapaola, con la formula “per non aver commesso il fatto”. Infine per Kevin Arena i giudici hanno dichiarato il “non doversi procedere” per mancanza di querela.