Nel catanese: da stamattina l’Etna è in eruzione e una serie di scosse si sono verificate tra Zafferana, Milo e Ragalna

ALLE ORE 14, E' STATO CHIUSO L'AEROPORTO DI CATANIA

511

Una moltitudine di scosse (130) telluriche, si sono verificate questa mattina nel catanese, dove in concomitanza con questi fenomeni l’Etna è tornato ad eruttare. I diversi terremoti, sono stati compresi tra 3.5 e 4.0 di magnitudo con un ipocentro a pochi chilometri di profondità ed epicentro localizzato tra Zafferana Etnea, Milo e Ragalna.

Fin dalle 10 di stamane, la terra ha tremato nella zona, l’episodio più significativo si è verificato alle ore 13 proprio a Zafferana. Il terremoto è stato accompagnato dal ritorno alla fase eruttiva del vulcano più alto d’Europa, sul quale si è aperta una frattura alla base del cratere di sud-est dove è possibile assistere all’attività esplosiva comune in questi casi e all’avvenuto innalzamento di una imponente nube di cenere.

Per affrontare tutto l’accaduto (che continua), si è svolta una Riunione dell’Unità di crisi nel corso della quale i partecipanti hanno deciso di chiudere dalle 14 in poi,  l’Aeroporto di Fontanarossa.